Abbazia di Mirasole


Scarica gratuitamente la nostra App!
mappa
Indirizzo: Cascina Mirasole - Opera
Orari: tutti i giorni dalle ore 7 alle ore 20,30 per permettere la partecipazione ai vari momenti di preghiera. Il Sabato alle ore 16 e la Domenica alle ore 15.30 e 16.30, il chiostro è visitabile durante le visite guidate.
Tel: 02.57606442
Costo: Gratis
Giorni chiusura:
Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /nfs/c11/h04/mnt/197702/domains/terreslow.eguide.it/html/wp-content/themes/eguide/loop-singlePOI.php on line 139

Fondato nella prima metà del 1200, il complesso di Mirasole è fra i luoghi di maggiore interesse artistico e culturale del territorio milanese. Il complesso, di impianto quadrangolare, costituisce uno degli esempi meglio conservati di corte colonica medioevale, dalla cui tipologia trarrà spunto la struttura della cascina lombarda di età moderna. Gli edifici erano circondati da un fossato e difesi da una torre munita in origine di ponte levatoio; due ingressi, uno dalla città, l’altro dai campi, immettevano nella corte circondata da stalle, abitazioni e laboratori per la lavorazione della lana. Accanto alla corte si trova il chiostro, sul quale si affacciavano refettorio, cucine, sala capitolare e sagrestia; porticato su quattro lati al piano terreno, su due lati del primo piano presenta una loggia che aveva funzione di dormitorio e granaio. Come il chiostro, anche la chiesa, dedicata a S. Maria, risale al periodo tra la fine del XIV e gli inizi del XV secolo. L’interno è coperto a cassettoni lignei e ospita nel coro un affresco con l’Assunzione di Maria, opera di un anonimo operante intorno al 1460, ma ancora fortemente debitore dei modi di Michelino da Besozzo.

Note
Dal 1797 Mirasole appartiene all’Ospedale Maggiore di Milano.
Dopo cinque secoli i monaci sono tornati ad abitare a Mirasole. La Fondazione Ca’ Granda ha firmato un comodato con il quale affida per 99 anni il complesso abbaziale di Mirasole ai Canonici Regolari Premostratensi.

Testi tratti dal sito ufficiale www.stradadelleabbazie.it e dalla cartoguida “Strada delle Abbazie” Touring Editore

Lascia un Commento