Santuario della Beata Vergine Assunta e Monastero dei Celestini


Scarica gratuitamente la nostra App!
mappa
Indirizzo: Via Giuseppe Mazzini, 21 - Magenta
Costo: Gratis
Giorni chiusura:
Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /nfs/c11/h04/mnt/197702/domains/terreslow.eguide.it/html/wp-content/themes/eguide/loop-singlePOI.php on line 139

Non vi sono documenti che attestino la data di fondazione del Monastero di Santa Maria Assunta dei Padri Celestini di Magenta, tuttavia la sua fondazione risalirebbe però al XIV sec. e due sono le notizie che lo fanno supporre: nel 1398 il Monastero è riportato tra le “domus” della Pieve di Corbetta come “Ecclesia Sanctae Mariae Celestinorum de Mazenta” e, sempre nel 1398, la chiesetta di S.Maria dei Celestini viene stimata in lire 20 e soldi 17. La costruzione del campanile, caratterizzato da una meridiana, risalirebbe invece alla fine del XV sec. La chiesa di origine romanica presenta degli interni barocchi. La chiesa è famosa soprattutto per due tavole di Ambrogio da Fossano, detto il Bergognone, datate 1501. Curiosamente l’artista, ispirato da idee leonardesche e bramantesche ,ha lasciato sulla prima tavola un’impronta digitale che si nota vicino alla porta d’accesso interna al portico dello sfondo del “Cristo Flagellato. In questo antico santuario, Santa Gianna Beretta Molla maturò profondamente la sua vita spirituale partecipando sempre alle messe feriali.

Lascia un Commento